L'Associazione Abruzzo Texas Hold'Em | ARTeramo - Associazione Ristoratori Teramani dentro le Mura

Disciplinare per la Ristorazione Tipica Teramana Dentro le Mura

Stampa

INDICE

1.0 Premessa
2.0 Definizioni
3.0 Requisiti
3.1 Antipasti
3.1.1 Antipasti di carne e verdura
3.2 Primi piatti
3.2.1 Paste
3.2.2 Primi di pesce
3.2.3 Zuppe e minestre
3.2.4 Sughi di carne e verdura
3.2.5 Sughi di pesce
3.3 Secondi piatti
3.3.1 Carne
3.3.2 Pesce
3.4 Contorni
3.5 Dolci
3.6 Formaggi
3.7 Salumi
3.8 Gli oli di oliva
3.9 I vini
3.10 Liquori e bevande di fine pasto
3.11 Il menu e la carta dei vini
3.12 Requisiti generali
3.13 Requisiti di legge relativi alle attivitĂ  di ristorazione
3.14 Il marchio

1.0 Premessa

Questo disciplinare, redatto dall’Associazione ART Teramo per la zona della città di Teramo all’interno delle mura della città stessa, definisce i requisiti che devono essere soddisfatti affinché un ristoratore possa dimostrare di operare in conformità con lo schema di certificazione del Quaser sulla Ristorazione Tipica Teramana Dentro le Mura ed utilizzare il marchio (vedere 3.15)

Questo disciplinare è basato su una ricerca dei piatti tipici teramani attualmente disponibili nei ristoranti all’interno delle mura della città di Teramo. L’elenco contiene dei piatti caratteristici della tradizione gastronomica locale, alcuni dei quali “adottati” nei 30 anni successivi al dopoguerra.

I ristoratori soggetti a verifica possono richiedere l’inserimento di piatti di comprovata tipicità non presenti nella lista dei requisiti. Qualsiasi modifica ai requisiti di questo disciplinare dovrà essere autorizzata dal Comitato Tecnico del Quaser che include un rappresentante dell’Associazione ART.

Nell’ambito del quadro legislativo vigente e di quanto previsto da questo documento i metodi di produzione sono liberi.


2.0 Definizioni

Ristoratore
Proprietario del ristorante oggetto delle verifiche di conformitĂ  a questo disciplinare.

Ristorante
Esercizio di preparazione e somministrazione al pubblico di alimenti e bevande come definito dalla lett. a dell’art.5 comma 1 della Legge 25 agosto 1991, n° 287.

Piatti Tipici Teramani
Piatti che abbiano le seguenti caratteristiche:

3.0 Requisiti

Generalità: Fermo restando i requisiti di cui ai punti 3.1 a 3.7 e il 3.10, si definisce “Ristorante Tipico Teramano Dentro le Mura”, ai sensi del presente disciplinare, il ristorante che ha nel proprio menu almeno il 50% dei piatti indicati nell’elenco riportato nel presente disciplinare ( o almeno in quantità pari a n.10 piatti per esercizi con menu corrente superiore ai 20 piatti).

I requisiti minimi per gli oli e i vini sono indicati direttamente ai requisiti 3.8 e 3.9 nel presente disciplinare.

 

3.1 Antipasti

3.1.1 Antipasti di carne e verdura e pesce

3.2 Primi piatti

3.2.1 Paste

3.2.2 Primi di pesce

3.2.3 Zuppe e Minestre

3.2.4 Sughi di carne e verdura (con qualsiasi tipo di pasta)

3.2.5 Sughi di pesce (con qualsiasi tipo di pasta)

3.3 Secondi piatti

3.3.1 Carne

3.3.2 Pesce

3.4 Contorni

3.5 Dolci

3.6 Formaggi

3.7 Salumi

3.8 Gli oli d’oliva

Il ristorante mette a disposizione della clientela per i condimenti almeno 1'etichetta di olio DOP o IGP della Provincia di Teramo e/o olio di produzione regionale derivato dalla lavorazione di olive teramane. In tal caso, la tipicitĂ  deve essere comprovata dalla dicitura espressa sull'etichetta o da una dichiarazione emessa dalla ditta fornitrice.

 

3.9 I vini

I vini offerti al pubblico devono comprendere almeno 12 etichette, tra bianchi, rossi e da dessert, di vini DOCG, DOC e/o IGT della Provincia di Teramo.
Il vino sfuso (o della casa), purché di origine Teramana, può essere somministrato in sostituzione di una o al massimo due etichette (bianco e rosso) e sulla carta dei vini ne vanno indicate origine e caratteristiche.

3.10 Liquori e bevande di fine pasto

 

3.11 Il menu e la carta dei vini

I piatti, gli oli ed i vini che rientrano tra quelli elencati nei punti da 3.1 a 3.10 devono essere:
pubblicati ed evidenziati nel menu corrente del ristorante o riportati su una carta dedicata.

 

3.12 Requisiti generali

Le indicazioni di provenienza dei prodotti e/o degli ingredienti, qualora riportate nel menu, devono essere precise e dimostrabili.
Il personale indossa un abbigliamento che lo rende riconoscibile.
SarĂ  presente nel ristorante personale in grado di dare informazioni sulle caratteristiche principali dei piatti (le ricette) e dei prodotti tipici (origine e metodo di produzione).
Le toilette sono pulite ed in buono stato di manutenzione.
- Il ristoratore deve avere una copia dell'ultima emissione del disciplinare

 

3.13 Requisiti di legge relativi alle attivitĂ  di ristorazione

Il ristorante adotta il sistema di autocontrollo igienico-sanitario previsto dal D.Lgs 155/97.

3.14 Uso del marchio della certificazione

Il ristorante espone il marchio di tipicitĂ  in modo che possa essere visto dall'esterno.